Il prodotto

Prosciutto Cotto San Giovanni

Prosciutto cotto prodotto secondo tradizione
Codice:
78045
Paese e Luogo di Origine:
Italia - Emilia Romagna
Peso:
11.5 kg circa
Ordine Minimo:
1 pezzo
Più Informazioni
Materia Prima Cosce di suini provenienti dalle province di Mantova e Cremona
Aspetto La fetta si presenta di colore rosato, la quantità di grasso è in proporzione ottimale e si presenta di colore bianco rosato
Sapore Dolce con delicate note di carne, la speziatura è equilibrata e non predominante
Stagionatura Non prevista
Curiosità Il San Giovanni nasce nel 1994 dall'idea di Angelo Capitelli di ritornare all'antico metodo di lavorazione del prosciutto cotto utilizzato a Modena. Lo chiama San Giovanni in omaggio a uno dei più famosi salumieri della Milano degli anni '80, Attilio San Giovanni, suo vecchio maestro. Nel 2019 il Prosciutto cotto san Giovanni entra nella categoria "In punta di coltello", la più esclusiva della guida Salumi d'Italia, edita da L'Espresso, e nel 2020 viene riconfermato come il miglior cotto d'Italia
Selezionato perchè Non contiene amidi, proteine isolate di soia, derivati del latte, fonti di glutine e polifosfati aggiunti
Suggerimenti di utilizzo Va servito posizionato a montagnetta, ad una temperatura compresa tra i 2° e i 10°, ma si presta anche ad essere servito tiepido (max 30°)
Più Informazioni
Ingredienti Carne di suino, sale, zuccheri: fruttosio, destrosio, antiossidante: sodio L-ascorbato, conservante: Nitrito di Sodio, aromi naturali.
Peso 11.5 kg circa
Confezione Confezionato in busta di polietilene quadristrato trasparente
Modalità di Conservazione (prodotto confezionato) Conservare a 0 e +4 °C
Condizioni di impiego Non forare la confezione
Dichiarazione Nutrizionale Valore energetico: 784 kJ / 188 kcal
Grassi: 10,99 g
di cui saturi: 3,85 g
Carboidrati: 1,08 g
di cui zuccheri: 0,41 g
Proteine: 21,13 g
Sale: 2,15 g
Valori riferiti a 100 g di prodotto
Il produttore

Capitelli - Borgonovo Val Tidone (PC)

Selezionato perchè
Prima che l'industria alimentare si interessasse alla produzione del prosciutto cotto, esisteva nelle aree del bacino padano la tradizione della lavorazione delle cosce di suino pesante per farne "cosce cotte". La lavorazione era del tutto diversa da quella di oggi: la carne fresca veniva disossata, conservandone la naturale forma, poi messa semplicemente a bagno con la salamoia per più giorni e infine avvolta in pezze di tela grezza, legata saldamente e cotta in capienti contenitori pieni di acqua calda. Con l'avvento della produzione industriale quest'arte è stata completamente abbandonata fino a quando, nel 1995, Claudio Capitelli, assieme al figlio Angelo, decise di tornare ad applicare il metodo classico di lavorazione della "coscia cotta" per produrre il "San Giovanni". La fissazione per le cose buone e la continua attività di ricerca e sviluppo sono i due pilastri su cui si fonda l'azienda.
© VALSANA S.R.L. - All rights reserved - Tel. (+39) 0438 1883 125 - Fax (+39) 0438 64976 - email: valsana@valsana.it
Via degli Olmi 16 - 31010 Godega di Sant'Urbano (TV) - P.IVA 01949710261 - C.F. 00548700244 - Reg. Imprese Treviso N. 00548700244 - Cap.Soc. 52.000 i.v.